Racconto breve // Short story: Electric Tiger pt 2

^B4D2A4C5770C1477021466C4C6B7E8F94DA24C3CB3632DAE87^pimgpsh_fullsize_distr

Mettetevi il vostro olotrucco migliore e lucidate il vostro cyberware, perché stasera si va all’Electric Tiger… (parte 2 di 2, parte 1 qui).

“Mi sa che sono l’uomo più fortunato dell’Electric Tiger stasera, eh?” Rafael si abbandonò alla risata di chi si aspetta di divertirsi. Nel frattempo Cássia li aveva raggiunti e si era seduta di fianco a lui.

“Probabile. Vedi, ci chiedevamo se tu fossi in grado di… soddisfare noi due. Entrambe.” era stato il turno di Cássia di sussurrargli.

“Se per te non è troppo, ovviamente.” aggiunse Charlotte.

“No, certo che no! Andiamo, quanto mi costerà?” chiese con un sospiro.

Charlotte e Cássia risero all’unisono.

“Non siamo prostitute.” precisò Charlotte.

“Non volevo dire… è che… mi sembra incredibile che stia succedendo davvero, capite?”

“Lo capiamo.” Cássia gli fece l’occhiolino.

Charlotte sospirò. “Ti sorprenderebbe sapere quanti uomini alla fine non ci riescono. Promettono di sì, ma alla fine… è una seccatura.” scrollò le spalle.

“E una di noi due ci rimane… male.”

“Beh, ragazze, io non vi deluderò.”

“Fantastico.”

 

“Che fine ha fatto la tua amica?” chiese Rafael mentre Charlotte lo guidava fuori dal Tiger.

“Sta preparando l’auto. Beh, è più che altro un furgoncino, a dire il vero. Ma dato che siamo in tre ci servirà un po’ di spazio…”

“Giusto…”

Charlotte aveva visto quell’espressione sul volto di tanti uomini, era come se il sangue non gli fluisse più verso il cervello.

“Oh, è un furgoncino carino… quasi mi aspettavo uno di quelli inquietanti, hai presente?” Rafael rise nervosamente quando furono davanti al furgone parcheggiato in fondo al parcheggio sotto a un albero finto. Era un bel furgone nero e moderno, e le due ragazze ne andavano chiaramente fiere.

Charlotte bussò due volte sul retro del furgone.

Cássia, che li aspettava lì, aprì le porte sul retro in un fugace lampo di guanti in latex.

“Venite dentro, forza, prima che tutti quelli che se ne vanno dal Tiger mi vedano nuda.” sussurrò Cássia. Rafael obbedì lieto, e Charlotte lo seguì. Bloccò con discrezione le porte dietro di sè. Rafael non sembrò accorgersene, e Charlotte suppose che fosse troppo impegnato a guardarsi intorno.

“Carino qui, molto… moderno.” la sua faccia era riflessa in tutti i componenti metallici che decoravano gli interni. Cássia, seduta su una panca in pelle lungo la fiancata, premette un pulsante sul cellulare e i finestrini si scurirono.

“Oh, wow, ragazze, fate sul serio.”

“Puoi scommetterci.” rispose Charlotte, togliendosi la giacca lentamente.

Cássia fece spuntare dal nulla una bottiglia. “Qualcosa da bere?” riempì un bicchiere e lo passò a Rafael.

“Sì.. grazie…” Rafael prese il bicchiere senza togliere gli occhi di dosso dal corpo nudo di Cássia. Bevve.

Uno, due, tre… Charlotte contò col pensiero e prima che potesse raggiungere il dieci Rafael era già crollato svenuto sul pavimento.

“Fantastico.” commentò l’amica recuperando la propria biancheria. “Il braccio è un Aschenbach-24, vero?”

“Sembra anche a me.” rispose Charlotte, chinandosi per osservarlo meglio. “Con questo ci faremo un sacco di soldi.”

 


 

“I’m the luckiest guy at the Tiger tonight, am I?” he let out the laughter of who’s forecasting a good time. In the meantime, Cássia had reached them and was sitting on the other side of Rafael.

“You could be. Well, you see, we were wondering if you… could handle the both of us.” it was Cássia’s time to whisper right in his ear.

“If it’s not too much for you, of course.” added Charlotte.

“No, of course it’s not! Come on, how much will it cost?” he asked with a sigh.

Charlotte and Cássia laughed in unison.

“We are not prostitutes.” noted Charlotte.

“Well, I didn’t mean to… I just… can’t believe it’s happening for real, you know?”

“We understand.” said Cássia, blinking at him.

Charlotte sighed. “You’d be surprised how many guys we found that can’t handle it. They say they do, but in the end… it’s just disappointing, you know?” she shrugged.

“And one of us ends up… unsatisfied.”

“Well, girls, I will not disappoint you.”

“Wonderful.”

 

“Where’s your friend gone?” asked Rafael as Charlotte led him out of the Tiger.

“She’s getting our car ready. Well, it’s more of a small van, really. But we need some space, if it has to be the three of us, after all…”

“Yeah…”

Charlotte had seen that expression on many men, it was as if no more blood reached his brain.

“Oh, it’s a nice van… I was kinda expecting a creepy one, you know?” said Rafael with a nervous laughter as they came to their van, parked at the edge of the parking lot under a fake tree. It was a modern, nice black van, and the two girls were very proud of it.

Charlotte knocked on the back of the van twice.

Cássia, which was already inside, opened the back doors, and they both got a glimpse of her wearing latex gloves.

“Get in, come on, or everyone who leaves the Tiger will see me naked.” she whispered.

Rafael happily complied, and Charlotte followed him. She discreetly locked the van door behind her. Rafael didn’t seem to notice, and Charlotte guessed he was too busy to have a look around.

“I like it here. Very… modern.” his face was reflected in the shiny metallic bits the decorated the interiors. Cássia, who sat on a leather bench at the edge, pushed a button on her phone and the windows darkened.

“Oh, wow. You girls mean business.”

“You bet.” replied Charlotte, slowly taking off her jacket.

Cássia produced a bottle out of nowhere. “A drink?” she poured some in a glass and handed it to Rafael.

“Yes… thanks…” Rafael accepted the drink staring at her naked body. He drank.

One, two, three… Charlotte counted in her head, and before she could reach ten, Rafael had already fallen unconscious on the floor.

“Wonderful.” said her friend, retrieving her underwear. “That arm is an Aschenbach-24, right?”

“So it would seem.” replied Charlotte, kneeling to observe it better. “We’re gonna make so much money with this one.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...