Racconto Breve / Short Story: Vanguard

vanguardpurple

 

“Ci serve una strategia, non possiamo andare avanti così!” gridò Violet per sovrastare il rumore degli spari.

“Accetto suggerimenti.” commentò secco Jim, sporgendosi quel tanto che bastava per sparare alla figura massiccia che si intravedeva tra due auto parcheggiate.

Violet si guardò intorno. Un cecchino nemico appostato probabilmente su una terrazza aveva colpito Ark, il loro specialista di esplosivi, che si contorceva a terra dal dolore. Il loro medico, il dottor Chang, si fece avanti per raggiungerlo. Violet corse verso di lui e attivò una funzione del cyberware del suo braccio. Uno scudo di energia violacea, simile alla superficie di una bolla, apparve per proteggere lei e Chang.

“Portalo via di qui!”

“Me ne occupo io!” Chang le fece un cenno di ringraziamento e estrasse il suo secondo paio di braccia, due prodigi della tecnica che recavano il simbolo della Vanguard Tech, lo stesso del braccio di Violet.

“Lo scudo sta per distruggersi, muoviti!” gridò Violet osservando il timer sul suo braccio, ma Chang si era già allontanato abbastanza da essere al riparo dai colpi più diretti. Non sarebbero venuti a cercarli dietro a quell’angolo, non quando il loro obiettivo principale era impedire a Violet e alla sua squadra Vanguard di prendere possesso dell’edificio.

Un colpo a vuoto del cecchino nemico echeggiò nel piazzale.

“St. Lucius, riesci a pensare a quel cecchino?”

“Ci sto provando, ma non… ah, ecco! Preso, bastardo!”

Violet alzò lo sguardo. St. Lucius non era visibile, ma il gps integrato le diceva che si trovava dietro a una finestra, nell’edificio alle loro spalle.

Violet non fece in tempo a pensare che forse ce l’avrebbero fatta quando l’urlo di Chang risuonò nel comunicatore.

“Sono sotto attacco, ripeto, sono sotto attacco!”

“Com’è possibile?” chiese Violet più a sè stessa che al medico, mentre Ramirez correva verso la postazione di Chang, la pistola a raggi carica e pronta all’uso.

Sul segnalatore gps della tuta di Violet le due luci che indicavano la posizione di Ramirez, Chang e Ark passarono da azzurre a arancioni.

James sparò un colpo verso la figura con la felpa e il cappuccio che si sporse dall’angolo.

“L’infiltratore è andato.”

“Bel colpo, Jim, ma ne abbiamo persi tre.”

L’uomo sospirò passandosi una mano tra i dreadlocks.

“Rimaniamo solo noi due più St. Lucius! Da soli non–”

“Shh! Sto pensando!”

“Pensa in fretta!” Violet colpì un nemico in una gamba con un dardo perforante della sua balestra.

“Sono tutti nella stessa stanza, vero?”

“Credo di sì.”

“Fammi lo scudo.”

Violet fu sul punto di obiettare, ma lo sguardo concentrato di Jim le fece cambiare idea. Attivò lo scudo e marciò davanti a James. Quando lo scudo si scaricò i due avevano raggiunto la sala principale. James estrasse entrambe le pistole e saltò.

Non credevo potesse saltare così, pensò Violet, dimenticando quasi di essere in un salone con una mezza dozzina di nemici. Lanciò uno scudo all’ultimo minuto per parare un attacco e fissò James a bocca aperta. Era nel bel mezzo di una capriola a mezz’aria, e con le due pistole aveva già colpito due persone. St. Lucius finì il medico nemico mentre James era ancora a mezz’aria, impegnato in una seconda capriola, e poi una terza. Quando toccò nuovamente terra, ansimante e con le pistole fumanti, tutti e sei i nemici erano crollati a terra.

“Vittoria.” disse una voce artificiale femminile negli auricolari di Violet.

“Ehi, fermi un momento, così non vale.” uno dei combattenti nemici, un uomo che portava un casco che ricordava un felino e veniva chiamato Hyena, si rialzò puntando il dito contro James. James fece spallucce.

“Secondo me hai barato.”

“Cosa? Ti secca perdere, eh?”

Dal nulla apparve una figura androgina con addosso un mantello verde smeraldo. Era sospesa da terra, come se non avesse i piedi, e veleggiò verso i due litiganti.

“Ecco, sentiamo cosa dice un mod, sono proprio curioso.” Hyena incrociò le braccia e Jim lo guardò in cagnesco.

“La partita verrà analizzata alla ricerca di hacking o pratiche illecite. Nel frattempo la vostra posizione nella classifica di gioco sarà sospesa.”

Si levò un coro di proteste e Anthony sospirò, tentato di smettere i panni della guerriera Violet e di disconnettersi da Vanguard Heroes, ma avrebbe significato lasciare che la sua amica Missy, attualmente nei panni dei pistolero Jim Strong, se la vedesse con il moderatore e con chiunque ci fosse dietro al casco di Hyena.


 

“We need a strategy, we can’t keep going like this!” screamed Violet loudly enough to be heard despite the gunshots.

“I’m open to suggestions.” replied Jim drily, sticking his arm out of their cover enough to shoot the bulky figure between two parked cars.

Violet studied her surroundings. An enemy sniper, positioned probably on the terrace of the building, had shot Ark, their explosives expert, and the man was writhing in pain. Their medic, dr Chang, reached for him. Violet rushed in to help and activated a function on the cyberware of her arm. A purple energy shield, similar to the surface of a bubble, appeared to cover Cheng and Violet.

“Carry him away!”

“Leave him to me!” Cheng replied with a ‘thank you’ gesture and let his second pair of arms emerge from his back, two mechanical masterpieces bearing the Vanguard Tech symbol, the same on Violet’s arms.

“The shield is going out soon, quick!” Violet stared at the digits on the arm’s timer, but when the shield went off Chang was already behind the corner. Safe enough, since their enemies wouldn’t come looking for them, not when they were busy keeping the Vanguard squad out of the building.

A shot echoed in the courtyard.

“St. Lucius, can you deal with their sniper?”

“I’m trying to, I can’t… ah, there you are! Gotcha, you bastard!”

Violet could not see St. Lucius, but his gps told her he was in the building behind them, next to a window.

She dared to think that maybe they would have made it, when Chang’s scream echoed in the comm system.

“They’re attacking me, I repeat, they’re attacking me!”

“How can it be?” asked Violet, more to herself than to the medic, while Ramirez ran to Chang’s position, his raygun ready.

The gps tracker on Violet’s suit let the three lights that signalled Ramirez, Chang and Ark’s position go from blue to orange.

A dark-cloaked person peered from behind the corner and Jim shot.

“The infiltrator is gone.”

“Nice shot, Jim, but we lost three of ours.”

The man sighed, running a hand through his dreadlocks.

“It’s just the two of us now, plus St. Lucius! We can’t–”

“Shh, I’m thinking!”

“Well, think quickly!” Violet hit an enemy in the leg with her crossbow.

“They’re all in the main hall, right?”

“I think so.”

“Create a shield.”

Violet would have argued, but Jim’s focused expression made her change her mind. She activated the shield and walked before Jim. When the shield’s battery ended, they had entered the building’s main hall. James took out both his guns and jumped.

I had no idea he could jump like this, thought Violet, almost forgetting she was in a closed space with six of their enemies. She created a smaller shield to divert an enemy bullet and stared at Jim, in surprise and confusion. He was shooting while in the midst of a series of air flips, and had already killed two of their enemies. St. Lucius got a decent shot and finished the enemy medic, all while Jim was still in mid-air. When he touched the ground gracefully, his guns were smoking and his breath was heavy. All enemies had fallen.

“Victory.” said a synthetic female voice in Violet’s ears.

“Hey, stop, this isn’t fair.” one of the enemy fighters, a man who sported a cat-like helmet and was called Hyena, got up and pointed his finger at Jim. Jim shrugged.

“You cheated.”

“What? You don’t like losing, mh?”

From nowhere appeared an androgynous figure, covered in an emerald green cloak and floating as if they didn’t have feet. They floated towards the two men.

“Here, let’s say what a mod has to say, come on.” Hyena crossed his arms and Jim gave him him a threatening look.

“The game will be analyzed for hacking and other illegal practices. In the meantime, your position in the game ranks will be frozen.”

Everyone complained and Anthony sighed, tempted to abandon his role as Violet the shieldmaiden and to disconnect from Vanguard Heroes. But it would have meant leaving his friend Missy, now playing as the gunslinger Jim Strong, alone against the mod and whoever was behind the Hyena helmet.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...