Recensione: Il Mondo Perduto / Review: The Lost World

Risultati immagini per il mondo perduto copertina

Autore: Arthur Conan Doyle

Genere: sci-fi, adventure

Anno: 1912


Siamo in un’epoca di esploratori, dibattiti, scoperte scientifiche. Il giovane giornalista Malone viene mandato dal professor Challenger, un esploratore che afferma di aver visto cose incredibili. Nessuno gli crede e tutti lo deridono, così Challenger è diventato estremamente scortese nei confronti di tutti, soprattutto dei giornalisti. Malone riesce a parlargli senza essere cacciato, e si rende conto che potrebbe esserci del vero nelle parole di Challenger. Trova affascinante la personalità dello scienziato e che la sua storia abbia senso. Che ci siano davvero dei dinosauri e chissà che altro su quell’altopiano nel bel mezzo della foresta amazzonica? Beh, c’è un solo modo per scoprirlo. Assieme all’avventuriero Lord John Roxton e al professor Summerlee, Malone e Challenger partiranno per una spedizione che dovrà dimostrare la verità – o la falsità – di quanto sostiene Challenger. Dovranno affrontare molti pericoli per scoprire i segreti di quella terra lontana…

Se si ignorano sessismo & razzismo vecchio stile, è una lettura interessante e per quanto priva di astronavi, riuscirà sicuramente ad attirare l’attenzione di un lettore di fantascienza. I quattro esploratori hanno delle personalità peculiari, da Challenger che è decisamente antipatico a Roxton che sembra quell’avventuriero esagerato che si potrebbe trovare nei film di oggi. Malone, il più giovane, funziona bene come specchio per i/le lettori/lettrici, perché ha una conoscenza limitata di scienza e biologia, ma riesce a essere coraggioso e d’aiuto nella missione. Il suo primo istinto alla vista di un rettile gigante non è curiosità scientifica ma paura. Per quanto sia divertente esplorare le relazioni tra i personaggi, esplorare l’altopiano è ancora meglio. Ci si può immaginare che troveranno un modo per andare in cima e che cosa troveranno, ma rimane piacevole leggere come ci arrivano.

Certo, al giorno d’oggi alcuni elementi sono buffi o addirittura terribile. Per essere dei temibili dinosauri a volte quelle creature si comportano in maniera stupida, e nelle prima pagine del libro c’è una conversazione tra Malone e la tipa per cui ha una cotta che è francamente agghiacciante. I quattro esploratori si comportano in maniera terribile nei confronti di alcuni abitanti dell’altipiano, e anche se è in parte comprensibile, ai nostri occhi è comunque crudele. Almeno Malone mette in dubbio la legittimità delle loro azioni qualche volta nelle sue lettere.
Per fortuna i dinosauri erbivori stupidi sono controbilanciati da dei magnifici pterodattili, e la scena finale con Challenger che prova al pubblico che diceva la verità è di sicuro piacevole.

Vale la pena leggerlo: fa parte delle fondamenta della fantascienza a modo suo (senza non credo avremmo Jurassic Park), e anche se è invecchiato malino, rimane una bella avventura. E poi insomma, ci sono i dinosauri.


Author: Arthur Conan Doyle

Genre: sci-fi, adventure

Year: 1912


It is an age of explorers, of debates, of scientific discoveries.
The young journalist Malone is sent to talk to professor Challenger, an explorer who claims to have seen incredible things. Since no one believes him and everyone mocks his words, Challenger has become incredibly rude towards everyone, especially journalists. Malone finds a way to talk to him without being thrown at the door, and he realizes that there might be truth in Challenger’s story. He is fascinated by the explorer’s personality, and his story makes sense. Are there really dinosaurs and God knows what else on that plateau in the middle of the Amazon forest? Well, there’s only one way to find out.
Together with the adventurer Lord John Roxton, and professor Summerlee, Malone and Challenger leave for a second expedition to prove – or disprove – Challenger’s statements. Many dangers await them as they pierce the secrets of this distant land…

If you ignore the old timey racism and sexism, this is an interesting read and while there are no spaceships, this is sure to interest any sci-fi reader, even if probably it isn’t sci-fi in its strictest sense.
The four explorers have peculiar personalities, from Challenger who is an unpleasant man, yes, but today he feels ridiculous in his behavior, all while Roxton is an exaggerate adventurer who wouldn’t look out of place in certain movies. Malone, the youngest, works perfectly as a mirror for the readers, as his knowledge of science and biology is limited but he discovers he can be brave and useful to the mission too. His primal response to a giant reptile is fear, not scientific curiosity. The relationships between the characters are fun to explore, but not as much as the plateau. Even if you can guess they’ll find a way to climb and what they will find up there, it’s intriguing to read their struggle and their failures.
Sure, some elements look silly at best and terrible at worst now. The dinosaurs may be terrifying predators but they behave in dumb ways, and the conversation you’ll read in the first pages of the book between Malone and the girl he has a crush on, Gladys, is cringeworthy. The four men behave in a terrible way towards certain inhabitants of the plateau, and even if it is partially understandable, it’s still cruel – but at least Malone questions the legitimacy of such actions sometimes in his letters. The herbivore dinosaurs may look dumb, but pterodactyls are a magnificent threat.
Also the way Challenger proves he has been telling the truth about dinosaurs all along near the book’s end is very satisfying.
I’d say it’s worth a read: it’s one of the founding blocks of sci-fi in its own way, and we wouldn’t have works like Jurassic Park without it probably. It hasn’t aged really well, but it’s a cool adventure. Also, did I mention it has dinosaurs?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...