Recensione: Gli Dei di Pegana / Review: The Gods of Pegana

Gods of pegana.jpg

Autore: Lord Dunsany

Genere: mitologia/fantasy

Anno: 1905

Note: Ho letto la traduzione italiana di Roberto de Angelis. Lo so, non è fantascienza in senso stretto, ma chissene.


 

MĀNA-YOOD-SUSHĀĪ è il primo dio mai esistito, prima di ogni altro dio da noi conosciuto e adorato venne lui. Creò gli altri dei e cadde in un sonno profondo. Il suo sonno è accompagnato dal tamburo di Skarl, e finché Skarl suonerà il tamburo MĀNA-YOOD-SUSHĀĪ dormirà. Un giorno il tamburo tacerà, e MĀNA-YOOD-SUSHĀĪ  si sveglierà, e allora tutto – dagli dei ai mondi che essi hanno creato – cesserà di esistere e verrà sostituito da nuovi dei e nuovi mondi. Gli umani erigono templi per onorare gli dei che conoscono, ma a nessuno è concesso di pregare MĀNA-YOOD-SUSHĀĪ, solo gli dei possono farlo. Leggiamo di antiche statue poste dopo il settimo di sette deserti che nessun umano riuscirebbe ad attraversare, della Cosa che non è nè uomo nè dio ma siede al polo sud girando pagine di un grande libro, di un sacerdote terrorizzato dalla morte e di un uomo che deride Mung, il dio dei morti, e viene punito in maniera atroce.

Tenete presente che non è un romanzo, ma una specie di testo sacro fantasy. Non che la cosa lo renda meno interessante.
C’è molto da scoprire su Lord Dunsany (questo video riassume tutto divinamente) e gli Dei di Pegana mi ha subito messo curiosità. Probabilmente non avremmo il Silmarillion di Tolkien senza questo libro, e Dunsany fu forse il primo autore moderno occidentale a inventare il suo pantheon e la sua mitologia. Dunsany è famoso soprattutto per aver ispirato Lovecraft, e in effetti certe immagini di deserti desolati, cose che non sono né divinità né umani e sono incomprensibili, e uomini maledetti fanno sicuramente pensare a Lovecraft. Certi elementi mi fanno pensare anche a Dune. Se vi interessa la cosiddetta speculative fiction, vi consiglio di darci un’occhiata, è breve – la mia edizione è lunga circa 100 pagine – e si trova gratuitamente su internet in inglese visto che è un libro vecchio. Vi consiglio comunque di cercare le illustrazioni originali, sono adattissime.

 


 

Author: Lord Dunsany

Genre: mythology/fantasy

Year: 1905

Notes: I’ve read the italian translation by Roberto de Angelis. I know it’s not sci-fi, but bear with me.


MĀNA-YOOD-SUSHĀĪ is the first god who ever came into being, long before any god we know and praise today. He created the other gods, and then fell asleep. He sleeps accompanied by the sound of Skarl’s drum, as long as Skarl beats his drum MĀNA-YOOD-SUSHĀĪ will sleep. When his drumming will cease and MĀNA-YOOD-SUSHĀĪ will wake up, everything – from the gods to the worlds they have created – will be destroyed and replaced by new gods and new worlds. Temples are built by humans to honor the gods they know, but no one is allowed to pray MĀNA-YOOD-SUSHĀĪ, only the other gods can. We learn of ancient statues placed after seven deserts which no one can travel through, of the Thing who is neither man nor god but sits at the south pole and turns the pages of a great book… we learn of the rivers’ rebellion and of man’s interaction with the gods, from a priest scared of death to a man who mocks Mung, the god of death, and receives a terrible punishment.

I feel I should warn you that this is not a novel, but a cosmology/fantasy text. Luckily that doesn’t make it any less interesting.
There is much to learn about Lord Dunsany ( I can’t recommend this video enough), and I was intrigued to find out about Gods of Pegana. Tolkien’s Silmarillion probably wouldn’t exist without Gods of Pegana, and Dunsany was probably the first modern author to invent his own pantheon and mythology. This work is also famous for having inspired Lovecraft: truly, some images of barren deserts, of things that are neither gods nor humans and are impossible for us to understand, and cursed men can be recognized as sources of inspiration for Lovecraft. I even detect echoes of Dune.
If you have an interest in speculative fiction, I definitely suggest you to check this out. It’s rather short – my edition is barely 100 pages long – and can be found for free in english around the internet, since it’s quite old.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...